• «Non si può essere «dirigenti» o «guida» di altri senza la consapevolezza di tale responsabilità; e senza, nel contempo, l’umiltà di chi sa di dover rendere un servizio che, seppur di particolare delicatezza e importanza, non dà a chi lo presta diritti di privilegio»

    Vittorio Bachelet

IN EVIDENZA

Linee guida Lavoro Agile
22 Ottobre 2021 - Incontro Funzione Pubblica
La CONFEDIR solidale con la CGIL dopo il vile assalto
Democrazia e stato di diritto più forti della violenza
La CONFEDIR chiede misure eque per i pensionati
Lettera aperta al Presidente Draghi
Rinnovo dei contratti della dirigenza pubblica e dei professionisti
Lettera aperta al Ministro Brunetta
Previdenza: fondamentale per le riforme confronto con le parti sociali
Le confederazioni della dirigenza chiedono la convocazione ai tavoli

Linee guida in materia di Lavoro Agile

Roma – 22 Ottobre 2021 – Incontro in Funzione Pubblica
Il Ministro Brunetta presenta ai sindacati le Linee Guida sul Lavoro Agile.
Leggi il documento di valutazioni e proposte della CONFEDIR ed il comunicato stampa.

news udir

COMUNICATO STAMPA
SCUOLA – Medico scolastico? UDIR: perché no, necessari presidi sanitari scolastici

UDIR crede che sarebbe necessario avere presidi sanitari scolastici con diverse figure complementari quali lo psicologo scolastico, l’assistente sociale e l’infermiere specializzato.

Marcello Pacifico (UDIR): “Chiaramente è una questione economica, ma sappiamo che i cospicui fondi del PNRR non potranno essere usati per gli aumenti salariali. Allora quale migliore occasione per iniziare come interventi straordinari, sperimentando così questi nuovi modelli presidi sanitari scolastici”

Tutti sanno che la scuola rappresenta un’organizzazione particolarmente complessa a legami deboli nel cui interno sono presenti delle vere e proprie comunità. Come avviene per tutte le organizzazioni complesse, per governarle è necessario avere delle risorse umane altamente competenti e specializzate.
Avere a disposizione una figura come quella del medico scolastico non solo sarebbe auspicabile, ma sarebbe buono averla oggi in stabile pianta organica nella prevenzione sanitaria nelle scuole. Una figura, quella del Medico scolastico, che va assolutamente recuperata e ripristinata. Presente soprattutto negli anni ‘80 e ‘90 nell’ambito dei programmi di prevenzione sul territorio nazionale in carico alle Unità Sanitarie Locali – A.S.L.
Secondo i dirigenti scolastici UDIR, oggi, potrebbe essere utile ragionare sulla presenza stabile da dedicare interamente nella prevenzione della salute dei nostri studenti. Sarebbe perfetto avere nell’abito scolastico anche altri specialisti, quali lo psicologo scolastico, l’assistente sociale e l’infermiere. Un vero e proprio team, un presidio sanitario scolastico utile a prescindere dall’emergenza pandemica SARS-CoV-2.

“Non sappiamo cosa ci riserva il futuro; infatti, potrebbero emergere nuove infezioni o vecchie malattie debellate.

Avere a scuola l’aiuto del medico scolastico è diventato ormai un’esigenza, a prescindere dall’emergenza pandemica SARS-CoV-2 avvertita da tutti gli operatori – dichiara Dario Tumminelli, dirigente scolastico UDIR- Ripristinare la figura del medico scolastico non solo è auspicabile, oggi con l’emergenza pandemica diventa un’esigenza fondamentale se non prioritaria. Il recupero della medicina scolastica significherebbe non solo migliorare ciò che è stato buono in passato, un servizio che ha dato pieno supporto alla crescita di intere generazioni. Sarebbe importante avere dei veri e propri presidi sanitari scolastici all’interno delle nostre scuole, un team di esperti composto da diverse figure specializzate e complementari”, ha concluso Tumminelli.
Secondo il presidente nazionale UDIR Marcello Pacifico, “chiaramente è solo una questione di soldi, tutta economica, ma sappiamo anche che i cospicui fondi del PNRR non potranno essere usati per gli aumenti salariali, lo impediscono le regole europee che prevedono che tali risorse possono essere impiegate per gli investimenti straordinari. Allora quale migliore occasione per iniziare come interventi straordinari, sperimentando così questi nuovi modelli presidi sanitari scolastici per poi negli anni valutare o meno se continuare con l’esperienza”, ha concluso il leader del sindacato.

news di m. perelli ercolini

IN BREVE n. 42-2021 – Decreto-MLPS-MEF-figli-disabilita – INL nota-1550-13ott2021 – Lettera del Presidente Forum Pensionati – INPS Mess_3495 del 14ott2021 – CASS sezIII_civ sent_27109-2021 – INPS Mess_3555 del 19ott2021

news di m. perelli ercolini

IN BREVE n. 41-2021 – GREEN PASS LINEE GUIDA PER LE PPAA – INPS Mess_3154 del 21sett2021 – Nota-ISTAT-tasso-capitalizzazione-2021 – Garanteprivacy-9707431-1.5_1_ – DPCM_12_ottobre – Decreto-8ott2021 FunzPubblica – INPS Mess_3474 del 14ott2021

Il ruolo del digitale nella transizione ecologica delle imprese

REGIONE VENETO – 18 Ottobre 2021
LA CONFEDIR AL TAVOLO “Il ruolo del digitale nella transizione ecologica delle imprese” – Leggi il comunicato stampa.

news udir

COMUNICATO STAMPA
DIRIGENTI SCOLASTICI – Formazione neoassunti, il ministero dell’Istruzione ha trasmesso le linee operative, UDIR comunica

 

Il ministero dell’Istruzione ha trasmesso le linee operative per la formazione e la valutazione dei dirigenti scolastici neoassunti per l’anno scolastico 2021-2022

Come riporta anche la rivista specializzata Orizzonte scuola, “con la nota 31852 del 13 ottobre il ministero dell’Istruzione trasmette le linee operative per la formazione e la valutazione dei dirigenti scolastici neoassunti per l’anno scolastico 2021-2022. Il periodo di formazione e prova ha una durata pari all’anno scolastico, nel corso del quale dovrà essere prestato un servizio effettivo di almeno sei mesi. È possibile sospendere il periodo di formazione in caso di malattia e negli altri casi espressamente previsti dalle leggi o dagli accordi collettivi”.
Per quanto riguarda l’attività di accompagnamento, della durata di 25 ore, gli USR avvalendosi della collaborazione di dirigenti scolastici con funzione di tutor, avranno cura di organizzare iniziative orientate a sostenere il neoassunto nella complessa fase di ingresso nel nuovo ruolo.
Lo scambio tra tutor e dirigenti riguarda in particolare: le operazioni connesse con l’avvio dell’anno scolastico; l’organizzazione del lavoro del personale (piano annuale delle attività, funzionigramma, ecc.); la definizione della contrattazione di Istituto e delle forme di incentivazione del personale;
– elaborazione del Piano delle azioni formative di istituto, compresi gli impegni per l’anno di formazione del personale docente neoassunto; la predisposizione dei documenti strategici della scuola (Piano triennale dell’offerta formativa, Rapporto di Autovalutazione, Piano di miglioramento, Rendicontazione sociale); la cura per la sicurezza e la prevenzione dei rischi e per la gestione di situazioni di emergenza; i rapporti con il DSGA; la gestione amministrativo-contabile dell’istituto; la gestione giuridico-amministrativa del personale e gestione del contenzioso; la trasparenza, pubblicità legale e tutela della privacy; la gestione degli Organi Collegiali e rapporti con le organizzazioni sindacali; la predisposizione delle diverse fasi relative alle iscrizioni degli alunni; la definizione degli organici del personale; la gestione delle diverse fasi della valutazione, dal sistema degli scrutini e degli esami ai rapporti con l’INVALSI.
L’attività di formazione, della durata di 50, viene organizzata dagli USR di norma, per gruppi possibilmente non superiori non superiori a 21 dirigenti neoassunti e, ove possibile, saranno articolate per grado di istituzione scolastica. L’attività riguarda: Area dell’ordinamento scolastico; Area giuridico amministrativa; Area professionale e formativa.

Scadenze – 18 ottobre 2021

news udir

COMUNICATO STAMPA
ISTRUZIONE – Sicurezza, dati Legambiente poco allegri. UDIR: “il Pnrr rappresenta un’occasione d’oro
investiamo bene i fondi”

Il Pnrr porterà nel mondo della scuola ben 18 miliardi di euro, una cifra davvero enorme. Il rapporto di Legambiente “Ecosistema scuola” del 2020 mette a nudo tutte le verità sulla qualità dell’edilizia scolastica nel nostro Paese, non lasciando spazio a dubbi. Dal quadro emerso urge intervenire, investendo nell’ammodernamento del nostro patrimonio edilizio scolastico sfruttando i fondi in arrivo.

Marcello Pacifico (UDIR): “È necessario intervenire con urgenza, rivedendo e rivalutando la responsabilità civile e, soprattutto, quella penale imputabile ai dirigenti scolastici in relazione alla sicurezza sugli ambienti di lavoro. Il sindacato è da sempre in prima linea nella difesa del dirigente scolastico, si è più volte mostrato sensibile alla problematica, avanzando diverse proposte emendative”.

Secondo l’analisi di Legambiente la scuola italiana non gode di ottima salute: la metà degli edifici è senza agibilità e i ritardo del Sud su tempo pieno e mense è tangibile. Infatti, come riporta anche Corriere della Sera, “il patrimonio edilizio scolastico in Italia è «vetusto e poco sostenibile: un edificio su due non ha ancora il certificato di collaudo statico (46,8%), di agibilità (49,9%), prevenzione incendi (43,9%). Sale al 41% nel 2020 la percentuale degli edifici che hanno necessità di manutenzione urgente contro il 29,2% del 2019. Lo afferma il XXI rapporto di Ecosistema Scuola (dati 2020) di Legambiente sulla qualità dell’edilizia scolastica e dei servizi, sullo stato di salute di 7.037 istituti di 98 capoluoghi di provincia, frequentati da oltre 1,4 milioni di studenti. I nuovi edifici costruiti con criteri di bioedilizia sono lo 0,9%. La maggiore fragilità strutturale viene indicata nelle aree interne più soggette a terremoti e a fenomeni di dissesto mentre la fragilità sociale legata alla povertà educativa e materiale è individuata nelle periferie urbane. Gli edifici in area sismica 1 in tutta la Penisola sono il 4,1%, e quelli in area sismica 2 sono il 30,9%. Al Sud gli edifici complessivamente posti in entrambe le aree sono 86,2%”. Continua a leggere

news udir

COMUNICATO STAMPA
ISTRUZIONE – I dirigenti scolastici chiedono modifica al Piano scuola emergenza Covid-19, Udir: “Non spetta a loro certificare positività”

Marcello Pacifico (UDIR): “La scuola non è un laboratorio di analisi, non è compito dei dirigenti scolastici certificare casi di positività. Come sindacato saremo accanto ai lavoratori tutelandoli”

 

Come riporta la stampa nazionale e locale, 105 dirigenti scolastici Umbri hanno inviato e sottoscritto una lettera in cui chiedono urgentemente una modifica al “Piano Scuola emergenza Covid-19” per l’anno scolastico 2021-2022, nello specifico per la scuola primaria. «Non spetta a noi certificare la positività di uno studente; la procedura prevista per le scuole Primarie è un pasticcio e crea solo confusione: si scelga tra il modello Infanzia e quello delle Superiori», recita uno stralcio della missiva.

IL PUNTO DI VISTA DEL SINDACATO UDIR

Il sindacato, che sta dalla parte dei dirigenti, si era già posto il problema. I dirigenti scolastici UDIR appoggiano infatti “con forza questa iniziativa, fornendo supporto affinché congiuntamente si possa raggiungere l’obiettivo”. A pagina 7 del Piano Scuola emergenza Covid-19 per l’anno scolastico 2021-2022 infatti si legge che “il referente Covid della scuola segnala un caso accertato di positività”. La scuola non può accertare, nel modo più assoluto, nessun caso, non è un nosocomio né un laboratorio di analisi. Dario Tumminelli, dirigente scolastico Udir, ha commentato affermando che “la norma va assolutamente rivista. Non è la scuola che accerta, semmai è l’azienda sanitaria di riferimento che può accertare un caso di positività. Bisogna intervenire ridistribuendo e capovolgendo ruoli e responsabilità”.

IL COMMENTO DEL PRESIDENTE MARCELLO PACIFICO

Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato UDIR, ha affermato che “la scuola non può e non deve essere un centro di analisi che può certificare casi conclamati di Covid-19, non si può far carico di incombenze che non le competono, né tantomeno si può chiedere al dirigente scolastico adempimenti e responsabilità che esulano dalla propria professionalità. Come sindacato saremo accanto ai lavoratori tutelando i dirigenti scolastici: non è loro compito certificare la positività”.

CONFEDIR ESPRIME SOLIDARIETA’ ALLA CGIL

Dopo il violento assalto di sabato scorso alla sede CGIL la CONFEDIR esprime la sua solidarietà e vicinanza alla confederazione, alle forze dell’ordine ed agli operatori sanitari vilmente attaccati.
I valori della nostra democrazia e le regole dello stato di diritto più forti della violenza!
Leggi la lettera inviata al Segretario Generale Maurizio Landini.

news udir

COMUNICATO STAMPA
SCUOLA – Algoritmo, dirigenti scolastici in cerca di supplenti. UDIR: “serve profonda riflessione dell’amministrazione, va migliorato”

Tutti in cattedra per l’inizio delle lezioni? Guardando alle singole province e addirittura città il progetto non ha trovato sempre riscontro. La colpa? I precari la attribuiscono al nuovo algoritmo che gestisce le operazioni ma in realtà questo problema si associa ad altri fenomeni che stanno lasciano ancora molti studenti senza insegnanti. Marcello Pacifico (UDIR): “L’algoritmo di quest’anno, per le supplenze da GPS, assomiglia per molti aspetti, soprattutto per gli errori, all’algoritmo utilizzato nella Buona scuola di Renzi. Certamente va fatta una profonda riflessione da parte dell’amministrazione su come migliorarlo, sul perché non ha funzionato correttamente e lo vediamo ancora oggi a Roma e nella provincia, sugli errori rivelati”

 

“Tutti in cattedra per l’inizio delle lezioni” era il proposito del Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, ma, come riporta anche Orizzonte scuola, il progetto “guardando alle singole province e addirittura città non ha trovato sempre riscontro. La colpa? I precari la attribuiscono al nuovo algoritmo che gestisce le operazioni ma in realtà questo problema si associa ad altri fenomeni che stanno lasciano ancora molti studenti senza insegnanti”.
La problematica è stata analizzata dal giovane sindacato che tutela i dirigenti scolastici: Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato UDIR, ha sottolineato come “i dati che leggiamo esigono delle risposte. L’algoritmo di quest’anno, per le supplenze da GPS, assomiglia per molti aspetti, soprattutto per gli errori, all’algoritmo utilizzato nella Buona scuola di Renzi. Certamente va fatta una profonda riflessione da parte dell’amministrazione su come migliorarlo, sul perché non ha funzionato correttamente e lo vediamo ancora oggi a Roma e nella provincia, sugli errori rivelati”.
I dirigenti scolastici UDIR inoltre si sono soffermati su un’altra problematica: la questione dei dati acquisiti dall’algoritmo. “Sicuramente ci sono stati docenti – ha affermato Dario Tumminelli, dirigente scolastico Udir – che non hanno compilato correttamente la domanda, ma in altri casi i dubbi sono irrisolti. Infine certamente va rivista la normativa sulle tempistiche e sulle rinunce. Si registra una gran quantità di rinunce, senza precedenti, che lascerà gli studenti, fruitori del diritto allo studio, senza insegnanti per diverso tempo. L’esigenza pandemica ha certamente costretto l’amministrazione a nuove metodologie di reclutamento per impedire la diffusione del virus, ma è pur vero che il controllo svolto dalle organizzazioni sindacali in occasione delle convocazioni era un valido supporto e aiuto alla stessa amministrazione per prevenire e ridurre le occasioni di errori”.